Articoli

La luce nelle grotte: tra salvaguardia e meraviglia

Nelle Grotte la luce artificiale gioca un ruolo determinante perché è innanzitutto lo strumento necessario per squarciare il buio e dunque avere la possibilità di ammirare gli ambienti ipogei. In secondo luogo, attraverso giochi di ombre e luci gli scenari si mostrano in una maniera unica nella loro magnificenza e nella loro bellezza.

Giochi di luci e ombre

Dalla primaria esigenza di conservare e salvaguardare correttamente le Grotte di Pertosa-Auletta la Fondazione MIdA assegna alla Philips e alla Schneider Electric la realizzazione di un nuovo sistema di illuminazione. L’impianto illuminotecnico realizzato nel 2008 ha sostituito il precedente che era costituito da apparecchi tradizionali che producevano elevate emissioni nell’ultra-violetto. Questo aveva favorito negli anni la proliferazione di muschi e varia vegetazione andando a modificare l’habitat della grotta, soprattutto dal punto di vista biologico e microbiologico. Le nuove sorgenti luminose a tecnologia LED con sistemi di regolazione del flusso luminoso sia in intensità che in variazione cromatica hanno permesso in questi anni un rallentamento del fenomeno della Lampenflora.

Attraverso questo impianto, inoltre, è stato fatto un altro straordinario passo in avanti in termini di salvaguardia e allo stesso tempo di risparmio energetico: l’accensione parziale dell’impianto, tramite palmari in dotazione alle guide, nelle sole zone interessate dal passaggio dei visitatori. Questo ha, infatti, consentito di ottenere un elevato risparmio energetico stimato intorno all’80%.

Tra il 2013 e il 2014 il sistema di illuminazione è stato ulteriormente ampliato installando delle lampade con una minore emissione di infrarossi e ultravioletti e sono stati installati alcuni sensori per il rilevamento dell’umidità, della temperatura, della pressione così da tenere sempre sotto controllo gli ambienti ipogei.

Monitoraggio

A questo si aggiunge che con i palmari le guide possono comunicare con l’esterno in maniera semplice ed immediata, anche a garanzia della sicurezza dei visitatori, così come dall’esterno si può monitorare la localizzazione dei gruppi di visitatori.

Dunque la luce artificiale deve consentire di godere delle magiche sale delle Grotte ma allo stesso tempo deve avere il minor impatto possibile sull’ambiente ipogeo.

Sei perfetta, o Terra, e maestosa! Ho camminato sui tuoi altipiani, ho scalato le tue rocciose vette, sono sceso nelle tue valli; sono entrato nelle tue grotte. Sugli altipiani ho trovato i tuoi sogni; sulle montagne il tuo orgoglio; nelle tue valli sono stato testimone della tua calma; sulle rocce, della tua determinazione; nelle grotte della tua riservatezza. Kahlil Gibran, Pensieri e meditazioni

Le rocce ci parlano [Scuole in Grotta 2019]

Caro insegnante, continua la rassegna sulle novità didattiche e questa volta parliamo di un laboratorio interamente dedicato alle rocce, adatto agli studenti dell’ultimo anno della Scuola Primaria fino a quelli del biennio della Scuola Secondaria di II Grado.

Acqua ed Energia [Scuole in Grotta 2019]

,

Caro insegnante, una delle novità di quest’anno è la visita alla Centrale Idroelettrica per poter spiegare ai tuoi studenti il legame tra il buio delle Grotte e la luce utilizzata per visitarle e perché la centrale ha contribuito a rendere uniche le Grotte di Pertosa-Auletta!

Sicurezza in Grotta [Scuole in Grotta 2019]

,

Caro insegnante, le Grotte di Pertosa-Auletta oltre ad essere interessanti per i tanti aspetti che la caratterizzano, sono anche molto agevoli e sicure, ancor di più grazie all’attenzione della Fondazione MIdA nel predisporre quanto necessario per la tutela dei visitatori, soprattutto se sono bambini e ragazzi, e per la salvaguardia dell’ambiente ipogeo stesso.

Scuole in Grotta 2019

,

Caro insegnante, quest’anno il catalogo didattico contiene alcune novità, a partire dalle visite alle Grotte. Le Grotte di Pertosa-Auletta hanno due caratteristiche che le rendono speciali: il fiume sotterraneo Negro, unico in Italia navigabile, e i resti di palafitte risalenti al II millennio. Quest’anno, quindi, abbiamo pensato di aggiungere alla visita guidata per i tuoi […]

Scuole in Grotta 2019

Caro insegnante, l’anno scolastico è ormai avviato e oltre ai programmi educativi, ai vari progetti ed iniziative, stai sicuramente pensando ai viaggi di istruzione per i tuoi ragazzi. Come di consueto, saremo felici di affiancarti nella scelta delle attività e ti presentiamo il Catalogo 2019 con la nostra offerta, arricchito da alcune novità e con […]

L’unico fiume sotterraneo navigabile in Italia

Le Grotte di Pertosa-Auletta sono costituite da tre rami pressoché paralleli di cui quello più settentrionale ospita il percorso turistico, mentre gli altri due, il mediano e quello più meridionale, costituiscono i settori ipogei più marcatamente speleologici. Il ramo più meridionale, denominato Ramo della sorgente, è attraversato per tutto il suo sviluppo da un corso […]

Gli scavi archeologici nelle Grotte di Pertosa-Auletta

Le prime indagini archeologiche nelle Grotte di Pertosa-Auletta furono compiute nel 1898 da due studiosi, Giovanni Patroni e Paolo Carucci, che separatamente condussero i loro lavori nell’ampia antegrotta presso l’ingresso. Patroni non approfondì oltre il metro, ma emerse comunque un’articolata stratigrafia che restituì numerosi reperti riferibili a differenti fasi di frequentazione umana della grotta. Venne […]

Origine e formazione delle Grotte di Pertosa-Auletta

I principali processi che intervengono nella formazione delle grotte (appunto i fenomeni di speleogenesi) si possono raggruppare come segue: azione delle soluzioni acquose, con la loro capacità di esercitare la corrosione sui calcari e di ridepositare carbonato di calcio in forma di concrezioni; azione delle acque in quanto operano un’erosione meccanica sul letto dei fiumi […]

Come usavano le grotte nella preistoria?

Le grotte sono state utilizzate dall’uomo fin dall’alba dei tempi: erano utilizzate come luoghi di culto, come riparo dal freddo e dal buio, come stalle ed anche come luoghi di sepoltura.