tourismA 2018: presentazione degli atti di archeologia

,

L’Archeologia delle Grotte di Pertosa-Auletta a tourismA 2018 di Firenze

Durante la tre giorni dedicata all’archeologia e al turismo culturale verrà presentato il volume che racchiude gli atti del convegno scientifico “Tra Pietra e Acqua”

L’atteso appuntamento con l’eredità del passato, “tourismA 2018”, negli spazi prestigiosi del centralissimo Palazzo dei Congressi a Firenze, è alle porte (dal 16 al 18 febbraio) e quest’anno ospiterà la presentazione dei recenti studi sull’archeologia delle Grotte di Pertosa-Auletta.

“tourismA” è un momento di esposizione, divulgazione e confronto di tutte le iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e alla valorizzazione delle sue testimonianze, e venerdì 16 febbraio, alle ore 17.00, si terrà la presentazione degli atti del convegno “Tra Pietra e Acqua”, incentrato sulle ultime ricerche speleo-archeologiche condotte nelle Grotte di Pertosa-Auletta sotto la direzione di Felice Larocca, che riprendono le fila delle prime indagini condotte nell’Ottocento.

Siamo davvero entusiasti – spiega l’archeologo Felice Larocca di poter presentare il risultato delle nostre ricerche a tourismA di Firenze. La vicenda archeologica delle grotte iniziava più di 100 anni fa con le prime indagini sul campo di Paolo Carucci e Giovanni Patroni ma ancora oggi è viva e foriera di importanti informazioni scientifiche sul più antico popolamento umano della Campania interna. Le Grotte di Pertosa-Auletta, infatti, rappresentano una cavità naturale di grande importanza dal punto di vista archeologico, con tracce di frequentazioni umane avvenute, pur con alcune interruzioni, nel corso degli ultimi 40.000 anni”.

Gli atti sono stati raccolti in un volume, curato da Felice Larocca e costituito da dodici saggi a firma di differenti autori, per la massima parte incentrati sulle ricerche moderne. Per una precisa politica di diffusione delle conoscenze sul sito, l’opera viene ceduta gratuitamente dalla Fondazione MIdA a biblioteche di Enti di ricerca e Università (non a privati o singoli) effettuando scambio bibliografico con altre analoghe pubblicazioni scientifiche.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *