Evento finale “Progetto Tanagro Opportunità Giovane”

, ,

Sono stati presentati ieri, 31 ottobre 2019, presso il Centro Polifunzionale Complesso della Santissima Pietà a Teggiano i risultati del “Progetto T.O.G”, che ha coinvolto la Fondazione MIdA in qualità di partner.

Il presidente D’Orilia racconta l’esperienza del tirocinio

Nel 2016 infatti la Regione Campania, attraverso la Direzione Generale Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Giovanili, ha promosso “Benessere Giovani-Organizziamoci”, con l’obiettivo di contrastare il disagio giovanile. Spesso, infatti, esistono realtà con scarse opportunità di aggregazione ma dove, di contro, esistono spazi pubblici spesso non valorizzati. In questo contesto, purtroppo, i giovani spesso non trovano modo di emergere ed affermarsi.

Il “Progetto T.O.G.”

Dalla consapevolezza di questa situazione è scaturito, quindi, un Avviso rivolto a partenariati tra soggetti pubblici, associazioni giovanili e imprese. La richiesta fatta era quella di realizzare, all’interno dei loro spazi pubblici multifunzionali, laboratori dove stimolare i giovani alla cultura d’impresa. Le Amministrazioni di Auletta e Teggiano hanno quindi proposto il progetto “T.O.G. – Tanagro Opportunità Giovane”, al fine di unire i giovani di entrambi i comprensori. Al Progetto T.O.G hanno collaborato l’Associazione Lo Stare Insieme di Auletta, l’Associazione Avalon di Pontecagnano, la ditta Demo Active di Massimiliano De Paola di Auletta, la società QS & Partners di Salerno, la Fondazione Mida di Pertosa e il Consid di Sala Consilina.

Le attività svolte

La Fondazione MIdA ha accolto tre tirocinanti, le quali hanno svolto numerose attività volte a far comprendere loro il lavoro che sta dietro un’accoglienza turistica. Hanno archiviato dati, fondamentali per la costruzione di un database di contatti, e si sono relazionati a vario titolo con i turisti. Hanno fatto esperienza di customer satisfaction e conosciuto un po’ più da vicino le attività della Fondazione e il suo impegno quotidiano. Positivi i riscontri da parte delle tirocinanti, che infatti hanno parlato di esperienze importanti e formative da un punto di vista culturale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *