Strategia europea per il suolo

La Commissione europea ha aperto una consultazione pubblica sulla nuova Strategia europea per il suolo, da adottare nel 2021. 

Questa iniziativa, che rientra nella strategia europea sulla biodiversità per il 2030, è volta ad aggiornare l’attuale strategia per contrastare il degrado del suolo e preservare le risorse della terra.

I suoli sani sono infatti fondamentali per conseguire gli obiettivi del Green Deal europeo, quali: la neutralità climatica, il ripristino della biodiversità, l’inquinamento zero, sistemi alimentari sani e sostenibili e un ambiente resistente. La strategia per la biodiversità per il 2030 sottolinea che è essenziale intensificare gli sforzi per proteggere la fertilità del suolo, ridurre l’erosione e aumentare la materia organica del suolo. Sono inoltre necessari progressi significativi nell’identificazione dei siti contaminati, nel ripristino dei suoli degradati, nella definizione delle condizioni per il loro buono stato ecologico e nel miglioramento del monitoraggio della qualità del suolo.

Tutti i cittadini e le organizzazioni sono invitati a contribuire a questa consultazione. La Commissione, data l’importanza dell’argomento che riguarda l’interesse pubblico, sta cercando il contributo di una vasta gamma di parti interessate, inclusi cittadini, organizzazioni non governative (ONG) e altre organizzazioni che si occupano di protezione dell’ambiente e della natura. Coloro che si occupano di ambiente, agricoltura, gestione del suolo e pianificazione del territorio, ma anche le università e gli enti di ricerca, le industrie alimentari e estrattive, sono invitati a partecipare alla consultazione.

I soggetti interessati possono partecipare alla consultazione pubblica, che rimarrà aperta fino al 27 aprile 2021. 

Per maggiori informazioni e per partecipare alla consultazione: https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/have-your-say/initiatives/12634-New-EU-Soil-Strategy-healthy-soil-for-a-healthy-life/public-consultation

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *