Evento finale “Progetto Tanagro Opportunità Giovane”

, ,

Sono stati presentati ieri, 31 ottobre 2019, presso il Centro Polifunzionale Complesso della Santissima Pietà a Teggiano i risultati del “Progetto T.O.G”, che ha coinvolto la Fondazione MIdA in qualità di partner.

Il presidente D’Orilia racconta l’esperienza del tirocinio

Nel 2016 infatti la Regione Campania, attraverso la Direzione Generale Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Giovanili, ha promosso “Benessere Giovani-Organizziamoci”, con l’obiettivo di contrastare il disagio giovanile. Spesso, infatti, esistono realtà con scarse opportunità di aggregazione ma dove, di contro, esistono spazi pubblici spesso non valorizzati. In questo contesto, purtroppo, i giovani spesso non trovano modo di emergere ed affermarsi.

Il “Progetto T.O.G.”

Dalla consapevolezza di questa situazione è scaturito, quindi, un Avviso rivolto a partenariati tra soggetti pubblici, associazioni giovanili e imprese. La richiesta fatta era quella di realizzare, all’interno dei loro spazi pubblici multifunzionali, laboratori dove stimolare i giovani alla cultura d’impresa. Le Amministrazioni di Auletta e Teggiano hanno quindi proposto il progetto “T.O.G. – Tanagro Opportunità Giovane”, al fine di unire i giovani di entrambi i comprensori. Al Progetto T.O.G hanno collaborato l’Associazione Lo Stare Insieme di Auletta, l’Associazione Avalon di Pontecagnano, la ditta Demo Active di Massimiliano De Paola di Auletta, la società QS & Partners di Salerno, la Fondazione Mida di Pertosa e il Consid di Sala Consilina.

Le attività svolte

La Fondazione MIdA ha accolto tre tirocinanti, le quali hanno svolto numerose attività volte a far comprendere loro il lavoro che sta dietro un’accoglienza turistica. Hanno archiviato dati, fondamentali per la costruzione di un database di contatti, e si sono relazionati a vario titolo con i turisti. Hanno fatto esperienza di customer satisfaction e conosciuto un po’ più da vicino le attività della Fondazione e il suo impegno quotidiano. Positivi i riscontri da parte delle tirocinanti, che infatti hanno parlato di esperienze importanti e formative da un punto di vista culturale.

Le Grotte di Pertosa-Auletta al Cilento Workshop 2019

, ,

Anche quest’anno le Grotte di Pertosa-Auletta hanno partecipato al Cilento Workshop 2019 organizzato dall’Associazione Cilentomania. Sono stati tantissimi i tour operator e le associazioni che hanno partecipato a questa nuova edizione del Workshop, che si è svolto dal 21 al 26 ottobre 2019 tra Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Il Cilento e le zone confinanti, negli anni, confermano e aumentano il proprio potenziale turistico, rendendo facile il lavoro di promozione e valorizzazione. Non solo uno splendido mare e un clima mite, ma borghi tutti da scoprire e insospettabili attrazioni permettono la creazione di pacchetti turistici estremamente variegati, in grado di intercettare diversi pubblici.

La prima giornata del Cilento Workshop 2019

La prima giornata ufficiale del Cilento Workshop 2019 è cominciata il 22 ottobre con aperitivi di benvenuto e pranzi in location d’eccezione. I tour operator così hanno potuto fin da subito “immergersi” nelle tradizioni locali e gustare la tradizionale ospitalità. Sono stati tre i siti visitati, ossia Sicignano degli Alburni, le Grotte di Pertosa-Auletta e il Museo del Suolo.

I tour operator sono stati ospiti della Fondazione MIdA che li ha accolti nel pomeriggio, facendoli immediatamente immergere nell’atmosfera delle Grotte. Emozionante il tratto in barca e la visita nei suggestivi ambienti ipogei, che sono stati molto apprezzati dai partecipanti. La giornata è continuata al Museo del Suolo, l’unico Museo del Suolo in Italia, ove un’esperta geologa li ha condotti attraverso le vicende della terra. Tra curiosità, indagini e riflessioni su quel che accade nei tre metri di suolo sotto i nostri piedi, la giornata è volata via. Positivo il feedback di questi visitatori “speciali” e positivo il rapporto con l’Associazione Cilentomania, che tanto impegno profonde nella valorizzazione del territorio.

Nella giornata del 24 ottobre, invece, nello splendido scenario del Museo Archeologico Nazionale di Paestum, la Fondazione MIdA ha partecipato all’incontro B2B, riscuotendo grande interesse da parte dei partecipanti all’educational e rafforzando i rapporti di collaborazione con gli operatori turistici del territorio.

Incontro B2B al Museo Archeologico Nazionale di Paestum

“Stregonia”: Halloween in grotta

,

Si terrà il 31 ottobre 2019 alle ore 17 nelle Grotte di Pertosa-Auletta lo spettacolo “Stregonia”, a cura dell’Associazione ACIPeA – Perdifumo e frazioni, tratto dal libro “Magia, fatture e pozioni nella Lucania antica” dello scrittore Giuseppe Barra. Uno spettacolo insolito, che prenderà spunto dalle tradizioni e dagli usi meridionali per “omaggiare” al meglio il giorno più spaventoso dell’anno.

Le tradizioni meridionali

Non ci saranno, infatti, né zucche intagliate né gli altri simboli ormai comuni di questa “festa” a incutere spavento nei partecipanti. Saranno, al contrario, le suggestioni e i ricordi delle tradizioni più ancestrali delle nostre terre a dare un brivido. Verranno utilizzati argomenti ed evocate figure che appartengono al nostro immaginario meridionale: il malocchio, il “munaciello”, la “maga”, il tutto nello scenario misterioso delle Grotte.

Il malocchio

Il malocchio è un qualcosa di estremamente familiare al sud, e lo è soprattutto nei piccoli paesi. Spesso è considerato una conseguenza dell’invidia, e fa parte della vita quotidiana difendersi da esso indossando amuleti o eseguendo riti scaramantici. Allo stesso modo la “maga”, o la persona che annuncia di saperlo “togliere”, esiste ancora in molte famiglie. Togliere il malocchio è un vero e proprio rituale, fatto di parole misteriose borbottate, gesti eclatanti e, solitamente, l’imposizione del silenzio. Si conclude con l’assicurazione che il malocchio è stato tolto, insieme a varie altre formule propiziatorie tese a difendere la “vittima” dal suo ritorno.

Il “munaciello”

Il “munaciello”, invece, è più tipico della tradizione partenopea. Figura ambivalente, sia malefica che benevola, caratterizzata da dispetti e tiri mancini, è descritto da Matilde Serao nelle “Leggende napoletane” come “…un folletto che tormenta gli uomini come un bambino capriccioso, e li carezza, e li consola come un bambino ingenuo ed innocente.” Secondo la tradizione sarebbe un bambino deforme nato da una relazione clandestina, ingiuriato in vita e scomparso misteriosamente, che la mamma copriva con un piccolo saio da monaco. Dispettoso come tutti i bambini, è solito tormentare la persona alla quale appare con scherzi e sgambetti. È considerato, però, anche una figura benefica, grazie alla sua malizia che protegge gli amori.

Un tuffo, insomma, nel folklore più autentico.

Lo spettacolo è su prenotazione, gratuito ed è a numero chiuso.

Stregonia” vi aspetta e dopo lo spettacolo Bababacio o Dolce Bufala, offerti da A.P.A. Antica Pasticceria Artigianale di Eboli.

Le Grotte di Pertosa-Auletta accolgono il REM

, ,

In occasione del Rotaract European Meeting (REM) di ottobre le Grotte di Pertosa-Auletta hanno accolto i ragazzi venuti in Italia per partecipare a questo evento. E’ una sorta di Assemblea Distrettuale del Rotary ma a livello europeo, che permette ai ragazzi di esportare altrove il proprio modo di essere parte del Rotary. I partecipanti portano con sé, inoltre, la propria cultura e la mescolano a quella del Paese che li ospita, dando origine a un mix altamente formativo.

Questi meeting, chiamati fall REM se si tengono in autunno e winter REM se si tengono in inverno, solitamente si svolgono nei fine settimana. Contemplano una giornata di pre-REM, dove i partecipanti conoscono  il paese che li ospita e il Rotary locale.

Il REM Vesuvius Express 2019

In occasione del REM Vesuvius Express 2019 Napoli&Caserta i partecipanti si sono radunati il 23 ottobre 2019 presso le Grotte di Pertosa-Auletta e il Museo del Suolo. Accolti dal Rotaract Club Sala Consilina – Vallo di Diano, i ragazzi hanno visitato le Grotte e il Museo del Suolo, in un vero e proprio percorso alla scoperta del sottosuolo. La giornata è stata arricchita da un pranzo di benvenuto e da un laboratorio sull’argilla.

Qui hanno potuto mettere in mostra le loro capacità manuali lavorando il materiale e dando sfogo alle loro capacità artistiche. Una bella occasione di crescita e confronto per tutti i partecipanti, all’insegna dei valori che da sempre contraddistinguono il Rotary.  

Ad maiora!

“Diamoci una Scossa”. L’iniziativa nazionale

, , ,

E’ questo il titolo di un’interessante manifestazione dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno, volta alla sensibilizzazione sul rischio sismico. La Giornata Nazionale per la Prevenzione Sismica si prefigge lo scopo di informare la popolazione su questo importante argomento. Tale evento si terrà domenica 20 ottobre e sarà valido per tutto il mese di Novembre. Ma non è tutto. Architetti e ingegneri esperti del rischio sismico effettueranno infatti visite a domicilio gratuite per valutare la sicurezza sismica delle abitazioni. In seguito alla visita forniranno utili informazioni, tra cui notizie sui bonus fiscali che lo Stato mette a disposizione.

SismaBonus e EcoBonus

In caso di adeguamento sismico di abitazioni lo Stato infatti garantisce la copertura dell’85% delle spese necessarie. Sono comprese in questa agevolazione prime e seconde case, edifici produttivi e parti comuni condominiali. Un importante aiuto per migliorare la sicurezza delle case, quindi, che rende l’opera divulgativa e concreta della Giornata doppiamente importante. L’edizione dell’anno scorso ha visto la partecipazione di 7000 professionisti, con ben 500.000 cittadini informati e 90.000 abitazioni visitate. Circa 500 piazze in tutta Italia, le cosiddette Piazze della Prevenzione Sismica, hanno ospitato i Punti Informativi. In essi Architetti e Ingegneri hanno spiegato il programma di prevenzione attiva, mettendo a disposizione la propria esperienza.

La visita e il vademecum dell’esperto

La novità della manifestazione consiste nel passaggio dall’informare al valutare concretamente i rischi. Interessante è, infatti, l’opportunità, inserendo poche informazioni in una domanda pre-compilata, di ricevere a casa gratuitamente un esperto. Il professionista valuterà l’abitazione, fornendo poi un vademecum contenente informazioni sui fattori di rischio (es. zona di edificazione, anno di costruzione, tipologia di edificio, etc.). Grazie ai bonus fiscali il cittadino potrà mettere in atto le misure correttive, risparmiando sui costi e migliorando di gran lunga la propria abitazione. Un’iniziativa encomiabile e completa. Tutti i dettagli su  https://www.giornataprevenzionesismica.it/

“Diamoci una Scossa” nel Vallo di Diano

“Diamoci una Scossa” è promossa da Fondazione Inarcassa, dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e da quello degli Architetti. Ha il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, del Dipartimento Protezione Civile, dalla Conferenza dei Rettori Università Italiane. L’iniziativa è sostenuta inoltre dalla rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica e di ENEA. Domenica 20 ottobre l’evento si svolgerà a Padula, nella corte esterna della Certosa di San Lorenzo.

“Dialoghi di Storia”: appuntamento a Sassano

,

Ritorna il 12 ottobre 2019 l’appuntamento con i “Dialoghi di Storia”, ciclo di seminari realizzati dalla Fondazione MIdA in collaborazione con la rete dei Musei del Vallo di Diano, i Forum e le associazioni giovanili del territorio. Una serie di tavole rotonde, patrocinate dall’Assessorato al Turismo della Regione Campania, sul monachesimo italo-greco curate dalla professoressa Rosanna Alaggio dell’Università degli studi del Molise in collaborazione con vari altri studiosi.

Tema e luogo prescelto

Questa volta il tema scelto è “L’epigrafia dei Longobardi del Sud”, e la relatrice sarà la professoressa Chiara Lambert dell’Università degli Studi di Salerno. Il luogo del seminario sarà il Museo del Liquore Penna a Sassano, ricco di storia e tradizione. A co-organizzare il seminario l’Associazione culturale Faq-Totum.

Nato per caso, il liquore Penna ha rapidamente diffuso la sua fama in mezza Europa, e un Museo allocato nella fabbrica ove si produce ne racconta la storia e le proprietà.

Appuntamento, dunque, con “Dialoghi di Storia” a Sassano sabato 12 ottobre 2019 alle ore 18:00.

Le vermicolazioni arrivano a Ferrara

, , ,

Nell’ambito del XXIX Congresso della Società Italiana di Ecologia (S.It.E)Capitale Naturale: la Gestione per la Conservazione-, che si è tenuto a Ferrara il dal 10 al 12 settembre, è stato presentato il lavoro sulle vermicolazioni effettuato dalla dott.ssa Rosangela Addesso nelle Grotte di Pertosa-Auletta.
Presso il Polo Chimico Bio-Medico dell’Università degli Studi di Ferrara, aula D6, il lavoro è stato presentato con una comunicazione orale nell’ambito della sessione “Capitale Naturale ed Ecosistemi Terrestri”.


Il congresso quest’anno ha puntato la sua attenzione sulle peculiarità degli ecosistemi e delle metodologie gestionali e conservative da applicare per mantenerli in buona qualità ecologica.
L’elaborato presentato verte sulla composizione delle vermicolazioni, queste formazioni apparentemente disordinate che prosperano sulle pareti delle cavità rocciose, siano esse naturali o artificiali. Sono principalmente composte da calcite, e sono utilizzate per studiare il comportamento dei bioti all’interno degli ecosistemi sotterranei. All’interno delle Grotte di Pertosa-Auletta ne sono state rilevate di undici tipi diversi, oggetto dello studio in questione, che intende apportare un contributo allo studio di queste formazioni ancora oggi in gran parte sconosciute.

Lo scrittore anconetano Massimo Cortese racconta Voci dalla Terra 2019

Nell’ambito del Festival Voci dalla Terra, tenutosi nei giorni 20 e 21 settembre 2019 nei giardini delle Grotte di Pertosa, è stato proiettato il cortometraggio “Padre vostro” del regista/attore Milo Vallone, liberamente tratto dal racconto “La figliolanza” di Massimo Cortese, entrambi presenti alla manifestazione.

Al ritorno a casa, Massimo ci ha inviato, con nostra immensa gioia, un suo scritto sul festival. Con il suo consenso, siamo davvero felici di poter condividere il suo breve e delicato resoconto della sua esperienza.

Bando per il Servizio Civile 2019

,

Bando per la selezione di 18 volontari del servizio civile universale per il Progetto – ” Vide che era cosa buona”

Scopri come partecipare:

Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 14:00 del 10 ottobre 2019, per qualunque informazione rivolgersi alla Fondazione MIdA al numero 0975 397037.

“Voci dalla terra”. Attività e laboratori

, ,

Laboratori e attività sul silenzio

La terza edizione di “Voci dalla terra” presenta un fitto calendario di attività e laboratori a corredo dei talk e dei vari convegni. Anch’essi, ovviamente, declineranno il tema del silenzio da vari punti di vista. Al racconto del silenzio della vita sotterranea si affiancherà il silenzio con cui la natura scolpisce la roccia, passando per lo yoga e la meditazione.

Il laboratorio di geologia

Per quanto riguarda i laboratori proposti sono vari ed interessanti, e spaziano dalle scienze ambientali all’archeologia. Venerdì 20 e sabato 21 alle 15:00 si comincerà con il laboratorio di geologia a cura della geologa Simona Cafaro. Sarà un vero e proprio laboratorio didattico, in cui si parlerà delle rocce, della loro formazione e dei fossili, animali diventati rocce. Sono spettatrici dei cambiamenti climatici, e hanno tutte una storia da raccontare. In esse si nascondono tesori paleontologici in grado di raccontare eventi importanti della storia della vita sulla terra.

Il laboratorio di scienze ambientali

A seguire, alle ore 16:00, ci sarà “La vita silenziosa dei fiumi”, laboratorio di scienze ambientali a cura della scienziata ambientale Rosangela Addesso, in cui si parlerà dei macroinvertebrati bentonici. Essi sono degli organismi millimetrici indicatori dello stato di salute dei fiumi, considerati importanti indicatori biologici. Sono caratterizzati da una diversa sensibilità alle variazioni del loro ambiente di vita, permettendoci di “testare” lo stato di salute acquatico.

Il laboratorio archeologico

In campo archeologico, invece, il tema scelto è “Il silenzio delle civiltà sepolte”, incentrato sulle principali pitture rupestri rinvenute in Italia e sulle tecniche utilizzate per la realizzazione dei pigmenti. I partecipanti potranno così trasformarsi in veri e propri “artisti preistorici” e dipingere il loro ciottolo. Nella parte finale del laboratorio le archeologhe Delia Carloni e Filomena Papaleo proporranno una nuova versione del “gioco del silenzio”. Attraverso silenziose istruzioni, infatti, i partecipanti verranno guidati nella realizzazione di una grande pittura rupestre collettiva. Il laboratorio ci sarà il 20 e il 21 alle ore 16:00.

Yoga e meditazione

A “Voci dalla terra” non ci saranno solo laboratori, ma anche attività. “Il silenzio della mente e dell’anima” è il titolo dell’incontro di yoga e meditazione, a cura di Antonia Cariello e Gianluca De Lauso. Equilibrio, simmetria, ricerca di una condizione fisica armonica saranno gli argomenti trattati. Per raggiungerli saranno utilizzati movimenti e allungamenti in direzioni opposte, alla ricerca di una spazialità consapevole all’esterno del corpo. Si consiglia di indossare un abbigliamento comodo, di portare con sé un tappetino, uno o due cuscini, una coperta o un telo, e di arrivare digiuni da un paio d’ore. L’incontro si terrà venerdì e sabato ore 16:30/17:30.