“Diamoci una Scossa”. L’iniziativa nazionale

, , ,

E’ questo il titolo di un’interessante manifestazione dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno, volta alla sensibilizzazione sul rischio sismico. La Giornata Nazionale per la Prevenzione Sismica si prefigge lo scopo di informare la popolazione su questo importante argomento. Tale evento si terrà domenica 20 ottobre e sarà valido per tutto il mese di Novembre. Ma non è tutto. Architetti e ingegneri esperti del rischio sismico effettueranno infatti visite a domicilio gratuite per valutare la sicurezza sismica delle abitazioni. In seguito alla visita forniranno utili informazioni, tra cui notizie sui bonus fiscali che lo Stato mette a disposizione.

SismaBonus e EcoBonus

In caso di adeguamento sismico di abitazioni lo Stato infatti garantisce la copertura dell’85% delle spese necessarie. Sono comprese in questa agevolazione prime e seconde case, edifici produttivi e parti comuni condominiali. Un importante aiuto per migliorare la sicurezza delle case, quindi, che rende l’opera divulgativa e concreta della Giornata doppiamente importante. L’edizione dell’anno scorso ha visto la partecipazione di 7000 professionisti, con ben 500.000 cittadini informati e 90.000 abitazioni visitate. Circa 500 piazze in tutta Italia, le cosiddette Piazze della Prevenzione Sismica, hanno ospitato i Punti Informativi. In essi Architetti e Ingegneri hanno spiegato il programma di prevenzione attiva, mettendo a disposizione la propria esperienza.

La visita e il vademecum dell’esperto

La novità della manifestazione consiste nel passaggio dall’informare al valutare concretamente i rischi. Interessante è, infatti, l’opportunità, inserendo poche informazioni in una domanda pre-compilata, di ricevere a casa gratuitamente un esperto. Il professionista valuterà l’abitazione, fornendo poi un vademecum contenente informazioni sui fattori di rischio (es. zona di edificazione, anno di costruzione, tipologia di edificio, etc.). Grazie ai bonus fiscali il cittadino potrà mettere in atto le misure correttive, risparmiando sui costi e migliorando di gran lunga la propria abitazione. Un’iniziativa encomiabile e completa. Tutti i dettagli su  https://www.giornataprevenzionesismica.it/

“Diamoci una Scossa” nel Vallo di Diano

“Diamoci una Scossa” è promossa da Fondazione Inarcassa, dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e da quello degli Architetti. Ha il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, del Dipartimento Protezione Civile, dalla Conferenza dei Rettori Università Italiane. L’iniziativa è sostenuta inoltre dalla rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica e di ENEA. Domenica 20 ottobre l’evento si svolgerà a Padula, nella corte esterna della Certosa di San Lorenzo.

Le vermicolazioni arrivano a Ferrara

, , ,

Nell’ambito del XXIX Congresso della Società Italiana di Ecologia (S.It.E)Capitale Naturale: la Gestione per la Conservazione-, che si è tenuto a Ferrara il dal 10 al 12 settembre, è stato presentato il lavoro sulle vermicolazioni effettuato dalla dott.ssa Rosangela Addesso nelle Grotte di Pertosa-Auletta.
Presso il Polo Chimico Bio-Medico dell’Università degli Studi di Ferrara, aula D6, il lavoro è stato presentato con una comunicazione orale nell’ambito della sessione “Capitale Naturale ed Ecosistemi Terrestri”.


Il congresso quest’anno ha puntato la sua attenzione sulle peculiarità degli ecosistemi e delle metodologie gestionali e conservative da applicare per mantenerli in buona qualità ecologica.
L’elaborato presentato verte sulla composizione delle vermicolazioni, queste formazioni apparentemente disordinate che prosperano sulle pareti delle cavità rocciose, siano esse naturali o artificiali. Sono principalmente composte da calcite, e sono utilizzate per studiare il comportamento dei bioti all’interno degli ecosistemi sotterranei. All’interno delle Grotte di Pertosa-Auletta ne sono state rilevate di undici tipi diversi, oggetto dello studio in questione, che intende apportare un contributo allo studio di queste formazioni ancora oggi in gran parte sconosciute.

Lo scrittore anconetano Massimo Cortese racconta Voci dalla Terra 2019

Nell’ambito del Festival Voci dalla Terra, tenutosi nei giorni 20 e 21 settembre 2019 nei giardini delle Grotte di Pertosa, è stato proiettato il cortometraggio “Padre vostro” del regista/attore Milo Vallone, liberamente tratto dal racconto “La figliolanza” di Massimo Cortese, entrambi presenti alla manifestazione.

Al ritorno a casa, Massimo ci ha inviato, con nostra immensa gioia, un suo scritto sul festival. Con il suo consenso, siamo davvero felici di poter condividere il suo breve e delicato resoconto della sua esperienza.

Bando per il Servizio Civile 2019

,

Bando per la selezione di 18 volontari del servizio civile universale per il Progetto – ” Vide che era cosa buona”

Scopri come partecipare:

Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 14:00 del 10 ottobre 2019, per qualunque informazione rivolgersi alla Fondazione MIdA al numero 0975 397037.

“Voci dalla terra”. Attività e laboratori

, ,

Laboratori e attività sul silenzio

La terza edizione di “Voci dalla terra” presenta un fitto calendario di attività e laboratori a corredo dei talk e dei vari convegni. Anch’essi, ovviamente, declineranno il tema del silenzio da vari punti di vista. Al racconto del silenzio della vita sotterranea si affiancherà il silenzio con cui la natura scolpisce la roccia, passando per lo yoga e la meditazione.

Il laboratorio di geologia

Per quanto riguarda i laboratori proposti sono vari ed interessanti, e spaziano dalle scienze ambientali all’archeologia. Venerdì 20 e sabato 21 alle 15:00 si comincerà con il laboratorio di geologia a cura della geologa Simona Cafaro. Sarà un vero e proprio laboratorio didattico, in cui si parlerà delle rocce, della loro formazione e dei fossili, animali diventati rocce. Sono spettatrici dei cambiamenti climatici, e hanno tutte una storia da raccontare. In esse si nascondono tesori paleontologici in grado di raccontare eventi importanti della storia della vita sulla terra.

Il laboratorio di scienze ambientali

A seguire, alle ore 16:00, ci sarà “La vita silenziosa dei fiumi”, laboratorio di scienze ambientali a cura della scienziata ambientale Rosangela Addesso, in cui si parlerà dei macroinvertebrati bentonici. Essi sono degli organismi millimetrici indicatori dello stato di salute dei fiumi, considerati importanti indicatori biologici. Sono caratterizzati da una diversa sensibilità alle variazioni del loro ambiente di vita, permettendoci di “testare” lo stato di salute acquatico.

Il laboratorio archeologico

In campo archeologico, invece, il tema scelto è “Il silenzio delle civiltà sepolte”, incentrato sulle principali pitture rupestri rinvenute in Italia e sulle tecniche utilizzate per la realizzazione dei pigmenti. I partecipanti potranno così trasformarsi in veri e propri “artisti preistorici” e dipingere il loro ciottolo. Nella parte finale del laboratorio le archeologhe Delia Carloni e Filomena Papaleo proporranno una nuova versione del “gioco del silenzio”. Attraverso silenziose istruzioni, infatti, i partecipanti verranno guidati nella realizzazione di una grande pittura rupestre collettiva. Il laboratorio ci sarà il 20 e il 21 alle ore 16:00.

Yoga e meditazione

A “Voci dalla terra” non ci saranno solo laboratori, ma anche attività. “Il silenzio della mente e dell’anima” è il titolo dell’incontro di yoga e meditazione, a cura di Antonia Cariello e Gianluca De Lauso. Equilibrio, simmetria, ricerca di una condizione fisica armonica saranno gli argomenti trattati. Per raggiungerli saranno utilizzati movimenti e allungamenti in direzioni opposte, alla ricerca di una spazialità consapevole all’esterno del corpo. Si consiglia di indossare un abbigliamento comodo, di portare con sé un tappetino, uno o due cuscini, una coperta o un telo, e di arrivare digiuni da un paio d’ore. L’incontro si terrà venerdì e sabato ore 16:30/17:30.

“Voci dalla terra”: le visite silenziose

, ,

Le “visite silenziose”

La terza edizione del festival “Voci dalla terra”, incentrata sul silenzio, affronta questa tematica da vari punti di vista. Uno di quelli più semplici ma altamente suggestivi sarà costituito dalle cosiddette “visite silenziose” all’interno delle Grotte di Pertosa-Auletta. Un modo innovativo per ammirare le Grotte, che ricalca forse il silenzio dei suoi primi esploratori. Oggi il complesso ipogeo risuona delle spiegazioni delle guide e dei commenti dei visitatori, ma un tempo l’unico rumore era il ritmico stillare delle gocce dalla volta rocciosa.

Per lunghi secoli solo il silenzio ha visto crescere le stalattiti e innalzarsi colonne. A partire da quegli uomini che 3500 anni fa innalzarono delle piattaforme per abitare all’interno delle Grotte. Sempre il silenzio ha accolto, ritirandosi negli angoli più bui, le piene dei fiumi, i terremoti, i crolli, gli uomini che accedevano alle Grotte per studio, necessità o diletto.

Il silenzio nelle Grotte

A “Voci dalla terra” sarà possibile riascoltare quel silenzio, alla ricerca di quel senso di stupore che ha sempre caratterizzato il rapporto fra la Natura e l’uomo. Sarà possibile immergersi nel mondo sotterraneo come se ci si immergesse in se stessi, ascoltare nel silenzio sotterraneo il proprio Io più nascosto, soffocato dalla frenesia quotidiana. Ad introdurre la visita silenziosa sarà Massimo (Max) Goldoni, speleologo e comunicatore, autore di “Parole nel Vuoto”, presentato durante incontri di speleologia ed altri eventi.  

Le visite silenziose si terranno il 20 e il 21 settembre alle 20:00, alle 21:15 e alle 22:30.

La danza contemporanea

Sabato 21 settembre alle 20:45 ci sarà il concerto di Alessio Cavaliere, brillante percussionista di Polla e il momento a lui dedicato è intitolato “Il suono del silenzio” all’interno delle Grotte di Pertosa-Auletta. A seguire, alle 21:15 ci sarà una performance di danza contemporanea intitolata “Oltre la linea“. Una selezione di brani musicali fra i più belli del “repertorio classico” fra 800 e 900, che fanno parte dell’immaginario collettivo della musica colta occidentale, interpretati in maniera artistica. Gesti e movimenti sinuosi, atmosfere rarefatte daranno ulteriore slancio alla fantasia dei partecipanti, che potranno “sentire” il silenzio attraverso i vari sensi. Tale performance sarà curata da Itinerarte, con Compagnia Excursus e Akerusia Danza.

DIVERSAMENTE SPELEO 2019

, ,

“Ad ognuno il suo passo”

Il Gruppo Speleologico della sezione di Salerno del Club Alpino Italiano (G.S. C.A.I. SA) anche quest’anno ha organizzato la manifestazione dal titolo “Diversamente Speleo”. L’evento si propone, almeno per un giorno, di far avvicinare le persone con disabilità ad un mondo, la speleologia, che solitamente è a loro precluso. Svoltasi in partenariato con la Fondazione MIdA, con il Comune di Auletta e con il Comune di Pertosa, quest’anno la manifestazione si è concentrata sulle malattie dello spettro autistico, in particolar modo sulla sindrome di Asperger. Per questo motivo, fondamentale si è rivelata la collaborazione con l’associazione “Ascoltami Onlus”, presieduta da Giulia Iannuzzi.

La manifestazione

Sono stati circa trenta gli ospiti dell’evento, affetti da varie disabilità, dimenticate per un giorno a favore dello stare insieme e della condivisione di un’esperienza. Speleologi e disabili, infatti, per un giorno sono stati allo stesso passo, esplorando insieme le Grotte in nome dell’abbattimento delle barriere. Tema, questo, molto caro alla presidentessa dell’Associazione, che si batte per dare voce a tutti coloro che nel Vallo di Diano soffrono ogni giorno a causa di malattie invalidanti.

La manifestazione è stata patrocinata dalla Delegazione Regionale Campania del Club Alpino Italiano, dalla Federazione Speleologica Campana, dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico della Campania, dal Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni e dai comuni ospitanti di Auletta e Pertosa. Dopo i saluti istituzionali, quelli della Fondazione MIdA e delle varie altre associazioni presenti ci si è spostati all’interno delle Grotte, superando insieme ostacoli e asperità del tragitto. Fedeli alla regola secondo cui in montagna “il più lento detta il passo” la visita si è svolta con un passo cadenzato, permettendo così a chiunque di godere delle bellezze sotterranee.

La giornata, allietata anche da gonfiabili e artisti di strada, si è conclusa con il taglio di una torta. La manifestazione, quest’anno, si è svolta alla memoria dello speleologo socio del CAI Vincenzo Sessa prematuramente scomparso.

“Voci dalla terra”: concerti e silent disco

, ,

Musica silenziosa

La terza edizione del festival “Voci dalla terra”, che si terrà a Pertosa il 20 e il 21 settembre, è incentrata quest’anno sul silenzio. A conclusione dei vari eventi in programma nella due giorni ci saranno concerti ed esibizioni musicali silenziose. Può una musica essere silenziosa? Nel caso della silent disco si.

La silent disco

La silent disco, o discoteca silenziosa, è un genere nato intorno agli anni Novanta del Novecento. Consiste nel far indossare ai partecipanti delle cuffie, in maniera tale che possano ballare “silenziosamente”. Invece di servirsi di altoparlanti, quindi, utilizza la tecnologia wireless per comunicare con le cuffie e trasmettere la musica. Ciò significa che i partecipanti possono ascoltare anche generi diversi, mentre le persone senza cuffie hanno l’impressione di veder ballare della gente senza musica. Una prima iniziativa del genere in Italia è stata messa in atto nel dicembre 2014 al museo MUSE di Trento. A Pertosa a curare la silent disco ci sarà Marvin Dj, il 20 e il 21 settembre alle ore 22:30.

Riccardo Veno

Per quanto riguarda il concerto in programma, sarà molto particolare: ad esibirsi sarà infatti Riccardo Veno con il suo “Tappeto di Orfeo“. La sua musica è così descritta: ” Atmosfere orientali e mediterranee, minimalismo, rievocazioni jazzistiche ed episodi “elettronici”. Tutto arrangiato ed eseguito dal vivo attraverso l’utilizzo di un set di effetti che permette la sovraincisione di più suoni“.  Riccardo Veno crea “…tappeti armonici e veri e propri ensemble di fiati dando vita ad intense melodie e ad emozionanti improvvisazioni“.

“Il silenzio di Orfeo, concerto per fiati, loops e piccole visioni video”, ha debuttato nell’aprile del 2004 al Teatro Nuovo di Napoli. E’ frutto della collaborazione fra Riccardo Veno e Francesco Albano, videomaker napoletano, e prende spunto dal mito di Orfeo per costruire una sorta di “visione musicale”. Il titolo suggerisce, racconta l’artista, “… la necessità di ‘silenzi’ nella nostra epoca di ‘ipercomunicazione’ insieme alla forza che sempre ha in sé la musica“.

Riccardo Veno si esibirà venerdì 20 settembre alle 21:30.

“Voci dalla Terra”, primo giorno: gli itinerari italo-greci

, , ,

Presentazione della Guida agli itinerari italo-greci

Il primo giorno di “Voci dalla terra” si apre con un appuntamento molto importante. Sarà presentato, infatti, il volume “Nelle Terre dei Principi. Guida agli itinerari italo-greci in Campania“, che giunge a conclusione di un interessante lavoro di ricerca. Il volume si basa su una massa di informazioni raccolte in oltre un anno di indagini, che si sono concretizzate prima nell’allestimento di una mostra documentaria e poi in questa guida.

Invito alla presentazione

“Nelle terre dei principi”

La mostra “Nelle terre dei principi“, allestita al primo piano del MIdA 01, ha già incontrato l’interesse di un pubblico numeroso. Racconta le vicende legate alla migrazione di popolazione greca dalla Sicilia a seguito della conquista araba dell’isola, cominciata agli inizi del IX secolo. Protagonisti di questa migrazione furono i monaci che in fuga verso terre più sicure si insediarono nei domini longobardi. Qui fondarono monasteri, intorno ai quali si raccolsero comunità di emigranti, dando vita ad insediamenti stabili, molti dei quali ancora oggi esistenti.

Locandina mostra

La “Guida agli itinerari italo-greci”

Dopo la mostra, la Guida agli itinerari italo-greci vuole descrivere, per la prima volta, itinerari che collegano i siti del monachesimo bizantino nella Campania Longobarda. Itinerari che raggiungono monasteri, santuari ed eremi rupestri, che attraversano borghi immergendo il viaggiatore in un paesaggio antico. Lo scenario proposto dalle pagine di questa Guida è finalizzato ad un turismo esperenziale che racconta l’identità di un territorio. Di una terra di frontiera dove Oriente e Occidente si sono incontrati e convivendo in armonia, hanno dato vita ad un’eredità culturale unica, oggi riconosciuta come patrimonio dell’Umanità nei confini del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Appuntamento, dunque, a venerdì 20 settembre ore 11:00 presso l’Auditorium MIdA 01 di Pertosa. Alla presentazione della Guida agli itinerari italo-greci interverranno eminenti personalità del mondo accademico e politico, proprio per sottolineare l’importanza del legame fra cultura e istituzioni nella costruzione di un’offerta turistica di qualità.

“Voci dalla terra”. La lectio magistralis di Aurelio Musi

, ,

Il tema del silenzio

La terza edizione del festival “Voci dalla terra” quest’anno presenta un cartellone di eventi e manifestazioni molto particolare. Si è infatti scelto di dedicare questa edizione al silenzio, inteso sia come mezzo espressivo sia come negazione di diritti. A questo proposito sono state invitate molte personalità illustri a discutere di questa tema e delle sue interpretazioni. Tra costoro ci sarà la lectio magistralis del professor Aurelio Musi dell’Università degli studi di Salerno.

L’Unisa da poco si è collocata, secondo la classifica “Times Higher Education World University Rankings 2020” (THE WUR 2020), al 7° posto tra gli atenei statali italiani, e il primo Ateneo del Sud. Vanta un corpo docenti autorevole e affermato, tra cui Aurelio Musi, direttore del Dipartimento di Studi politici.

https://www.youtube.com/watch?v=7P8Bp73J-Vw

Aurelio Musi

Laureatosi con lode nel 1970 in Lettere e filosofia, fa parte della Società Napoletana di Storia Patria e del direttivo della Società Salernitana di Storia Patria. E’ direttore scientifico de “L’identità di Clio” e collaboratore de “La Repubblica”. Ha scritto innumerevoli libri e saggi, concentrandosi in particolare sulle dinamiche della ricerca storica, sulla storia del Mezzogiorno e il suo rapporto con i modelli politico-culturali. E’ autore, tra le altre cose, di “Stato e pubblica amministrazione nell’ancien régime“, uno dei capisaldi nella discussione storiografica sull’argomento.

A “Voci dalla terra” Aurelio Musi terrà una lectio magistralis dal titolo “I silenzi sulla Storia del Mezzogiorno“, ove affronterà tematiche legate alla travagliata storia che ha sempre contraddistinto il Sud del nostro Paese. La lectio si terrà alle 19 di venerdì 20 settembre nell’area ristoro dello Speleobar.