Un museo per il suolo

Sabato 20 gennaio 2018 alle ore 11.00 presso Casa Ascione, Galleria Umberto I a Napoli il Museo del Suolo sarà protagonista della prima di una serie di conferenze organizzate dal FAI Campania dal tema “La base della vita”. A spiegare perché la risorsa suolo è tanto importante da voler fare il primo Museo del Suolo in Italia in un piccolo paese di circa 700 anime sarà la Direttrice Scientifica della Fondazione MIdA, la prof.ssa Mariana Amato, dell’Università della Basilicata, insieme al dott. Antonio Di Gennaro, responsabile del paesaggio FAI, nonché curatore dei contenuti del museo.

Il Museo del Suolo, unico in Italia, uno dei pochi in Europa, racconta in maniera multimediale ed interattiva quella che abbiamo definito “la pelle del nostro pianeta”, così importante da rispettare, salvaguardare e “accarezzare”, perché come scrive Olivier Asselin sul sito della FAO: “Il suolo è dove tutto ha inizio. Pochi sanno che i terreni sono una risorsa non rinnovabile. Ci vogliono più di 1000 anni per produrre 1 cm di terreno. Ciò significa che nella nostra vita, tutto il suolo che vediamo è tutto ciò che c’è. I terreni fanno cose incredibili per noi che a volte diamo per scontate. Sostengono la produzione alimentare, filtrano la nostra acqua, sono la fonte delle nostre medicine e ci aiutano a combattere e ad adattarsi ai cambiamenti climatici.”

 

Chiusura Grotte e Musei MIdA

E’ arrivato il momento di mettere un po’ a riposo le Grotte di Pertosa-Auletta: è stato un 2017 pieno di soddisfazioni grazie ai numerosi visitatori, ma è necessario che le grotte vivano il loro fermo biologico. In questo modo daremo la possibilità ai principali abitanti del sito ipogeo, i pipistrelli, di godere in tranquillità del loro letargo e vedremo un ripopolamento delle colonie che sostano nelle grotte, così utili per l’ecosistema esterno
Stesso intervallo vivranno i Musei MIdA, il Museo del Suolo ed il Museo Speleo Archeologico, e sarà il momento di compiere piccoli e grandi lavori di manutenzione che ci permetteranno di offrire ai visitatori servizi e spazi sempre più accoglienti!
Questo periodo di fermo sarà anche dedicato alla programmazione di consolidate e nuove iniziative, in primis lo speleomusical “Cave of Spirits”!
Vi auguriamo un buon 2018 e vi diamo appuntamento al 10 febbraio 2018.
Per qualsiasi comunicazione e richiesta di informazioni, gli uffici saranno aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 15.00 e i responsabili saranno pronti a rispondere alle vostre richieste.

Il Museo del Suolo al Campania Experience

Domenica 17 dicembre la Fondazione MIdA prenderà parte all’iniziativa “CAMPANIA EXPERIENCE: EMOZIONI DI ALTRI MONDI”, in programma da venerdì 8 dicembre a Napoli, tra piazza Municipio e il Maschio Angioino.

La kermesse propone un viaggio attraverso l’agricoltura, l’artigianato e la musealità minore, di cui il Museo del Suolo (MIdA) rappresenta un’eccellenza.

La Mostra Mercato ospiterà ben 35 aziende della gastronomia e dell’artigianato, che si proporranno e si racconteranno.

Lo storytelling, attraverso le più suggestive esperienze agricole (es. l’antica soppressata nella cera, di memoria borbonica), le più irripetibili esperienze artigianali (es. la chitarra battente), le musealità minori (il museo degli antichi giochi di Massicelle, il museo del suolo di Pertosa), rappresenterà un momento di approfondimento sul turismo esponenziale.

 

Nel corso dell’evento saranno presentate le più interessanti buone pratiche di storytelling, tra cui quella della Fondazione MIdA e del Comune di Pertosa.

In particolare, domenica 17 dicembre alle ore 18,00 si terrà il convegno “MODELLI DI SVILUPPO LOCALE”. Nella prima parte, ci sarà un focus su “Pertosa e le sue eccellenze“. Interverranno il sindaco di Pertosa, Michele Caggiano per illustrare le buone pratiche e le eccellenze del piccolo borgo, tra cui il Carciofo Bianco, e il presidente della Fondazione MIdA, Francescantonio D’Orilia, che testimonierà la best practice e il progetto “Museo del Suolo“.

L’Evento è stato ideato ed organizzato dall’Associazione Campania Experience7, nata con l’obiettivo specifico di valorizzare l’esperienza legata alle antiche produzioni e all’artigianato di eccellenza della Campania, nonché alla elaborazione di micro-sistemi di sviluppo locale.

Al Museo del Suolo corso sulla sicurezza alimentare

,

Venerdì 1 dicembre 2017, a partire dalle ore 9.00, presso il Museo del Suolo a Pertosa, si terrà il corso per volontari e operatori A.C. “Sicurezza Alimentare delle mense nelle aree d’accoglienza” a cura del Cervene – Centro Regionale di Riferimento Veterinario per le Emergenze non Epidemiche. Il corso proseguirà sabato 2 dicembre a Caggiano, presso il municipio.

La due giorni è riservata con priorità assoluta ai medici e ai veterinari componenti di unità di crisi e/o impegnati in azione H 4 del PRP.

La sicurezza alimentare sulle mense delle aree di accoglienza gestite dalle associazioni di volontariato di Protezione Civile in caso di evento calamitoso (terremoto, alluvioni..) è fondamentale sia per assicurare alle popolazioni assistite la dovuta sicurezza alimentare, evitando così tossinfezioni alimentari, sia ai soccorritori che devono garantire efficienza ed efficacia durante i soccorsi.

Questo corso, promosso da SODALIS – Centro Servizi per il volontariato della Provincia di Salerno e dal CeRVEnE – Centro di riferimento Regionale per le Emergenze Veterinarie non Epidemiche, ha l’obiettivo di favorire una migliore collaborazione tra rappresentanti delle Autorità Competenti e i volontari di Protezione Civile impegnati nella gestione delle mense nelle aree di accoglienza.

Per info contattare la segreteria organizzativa:

Ufficio Formazione IZSM

Tel. 081 7865218-309

formazione@cert.izsmportici.it

Cave of Spirits: torna lo SpeleoMusical nelle Grotte

,

A Natale ritorna “Cave of Spirits“, l’appuntamento con l’innovativo SpeleoMusical dei Grieco Brothers nelle Grotte di Pertosa-Auletta!

Il musical nel sottosuolo racconta un’appassionante storia d’amore tra due elfi attraverso un viaggio spirituale al centro della grotta.

Spettacolo assolutamente unico, “Cave of Spirits” grazie alla perfetta armonia tra attori, colonna sonora, immagini, video, luci, colori, conduce lo spettatore in un viaggio affascinante nelle Grotte, riportandolo indietro nel tempo per poi giungere di nuovo ai giorni nostri.

Il calendario degli spettacoli seguirà questa programmazione:

8 dicembre, 4 spettacoli alle ore 18.30, 19.30, 20.30, 21.30

9 dicembre, 4 spettacoli alle ore 18.30, 19.30, 20.30, 21.30

29 dicembre, 4 spettacoli alle ore 18.30, 19.30, 20.30, 21.30

30 dicembre, 4 spettacoli alle ore 18.30, 19.30, 20.30, 21.30

6 gennaio, 4 spettacoli alle ore 18.30, 19.30, 20.30, 21.30

Biglietto: prezzo promozionale Natale 2017: € 25,00 a persona

Prezzo promozionale gruppo: 10% di sconto previa prenotazione telefonica allo 0975397037 o via email a marketing@fondazionemida.it

Altre info sul sito Cave of Spirits o sulla pagina Facebook

 

 

Archeologia delle Grotte: lunedì 27 novembre presentazione degli atti del convegno Tra Pietra e Acqua

Si terrà lunedì 27 novembre, alle ore 18, presso l’Auditorium del Museo Speleo Archeologico a Pertosa, la presentazione degli atti del convegno “Tra Pietra e Acqua”, incentrato sulle ultime ricerche speleologiche condotte nelle Grotte di Pertosa-Auletta sotto la direzione di Felice Larocca, che riprendono le fila delle prime indagini condotte nell’Ottocento.

Quando – spiega l’archeologo Felice Laroccanel settembre del 1897, il medico e naturalista di Caggiano, Paolo Carucci, si recò a visitare l’ingresso della maestosa caverna affacciata sulla valle del fiume Tanagro, rinvenendo frammenti di rozza ceramica e vari resti ossei, iniziava una vicenda archeologica che, ancora oggi, è viva e foriera di importanti informazioni scientifiche sul più antico popolamento umano della Campania interna. Le Grotte di Pertosa-Auletta, infatti, rappresentano una cavità naturale di grande importanza dal punto di vista archeologico con tracce di frequentazioni umane avvenute, pur con alcune interruzioni, nel corso degli ultimi 40.000 anni.

Dopo le prime ricerche condotte tra fine dell’Ottocento e primi del Novecento, la completa sommersione del giacimento archeologico all’interno di un bacino idrico artificiale ha di fatto congelato ogni ulteriore indagine fino al 2004. “A partire da quest’anno, e poi in seguito in altre occasioni fino al 2016 – aggiunge il presidente MIdA Francescantonio D’Oriliagli archeologi hanno avuto la possibilità di tornare ad esplorare e documentare il deposito di natura antropica della cavità, tutto ciò grazie alla precisa volontà della Fondazione MIdA di approfondire la conoscenza dell’archeologia della grotta e di impreziosire sempre più le risorse informative del locale Museo Speleo Archeologico”.

E proprio sui risultati di questi nuovi interventi sono incentrati gli atti del convegno TRA PIETRA E ACQUA. ARCHEOLOGIA DELLE GROTTE DI PERTOSA-AULETTA, tenutosi il 21 e 22 ottobre 2016, che saranno presentati il prossimo lunedì presso il Museo speleo-archeologico di Pertosa. Gli atti sono stati raccolti in un volume, curato da Felice Larocca e costituito da dodici saggi a firma di differenti autori sulle ricerche moderne.

Per una precisa politica di diffusione delle conoscenze sul sito, l’opera viene ceduta gratuitamente dalla Fondazione MIdA a biblioteche di Enti di ricerca e Università (non a privati o a singoli) effettuando scambio bibliografico con altre pubblicazioni scientifiche.

Interverranno all’incontro: Michele Caggiano, Sindaco di Pertosa; Pietro Pessolano, Sindaco di Auletta; Francescantonio D’Orilia, Presidente della Fondazione MIdA; Felice Larocca, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e Centro Regionale di Speleologia “Enzo dei Medici”; Anna Di Santo, Responsabile Settore Archeologico della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino.

AGTI: 6 grotte, 30 partecipanti al corso sulla comunicazione

6 grotte (Antro del Corchia, Lucca-Is Zuddas, Cagliari-Su Mannau, Carbonia Iglesias, Torri di Slivia e Gigante, Trieste-Baredine, Croazia e Grotte di Pertosa-Auletta) per un totale di circa 30 partecipanti sono state le protagoniste di un nuovo corso di formazione promosso da AGTI-Associazione Grotte Turistiche Italiane, la cui presidenza è stata affidata alla Fondazione MIdA con Francescantonio D’Orilia.

Un altro successo formativo, dunque, che ha avuto l’obiettivo di approfondire varie tematiche legate al mondo ipogeo ed alla sua fruizione, alla comunicazione dello stesso in maniera scientifica ed appassionante, non tralasciando le varie peculiarità della gestione, dell’ amministrazione e dell’organizzazione di una grotta turistica.

Il corso, giunto alla VIII edizione, ha proposto anche un approfondimento del concetto di comunicazione legato alla figura della guida, principale interprete dello spettacolo della grotta turistica. E proprio la guida deve riuscire a rappresentare al meglio un copione fatto di informazioni, storia e  suggestioni.

La guida, del resto, è una delle voci della grotta, quella decisiva, perché … parla. Le grotte, se non si è geologi, naturalisti o speleologi possono sembrare tutte uguali. Cosa fa la differenza? Il racconto della grotta che è la presentazione sul web, sui social, nei testi  dei libri o dei flyer. E alla fine, è il racconto della guida che diventa la grotta, coi contenuti che trasmette, con la capacità di entrare in sintonia e relazione.

“Il tema affrontato – spiega il presidente AGTI e MIdA D’Orilia – è fondamentale, perché il rapporto con la guida è decisivo nella valutazione di una visita, che traduce la qualità di una gestione e pone le premesse per positive evoluzioni”.

Il corso si è svolto nei giorni 17,18,19 novembre presso le Grotte di Su Mannau – Fluminimaggiore (SU).

Terremoto dell’Irpinia: riflessioni e considerazioni a sostegno dell’Universita’, degli Enti Locali e delle Associazioni

Giovedì 23 novembre, alle ore 17,30, si terrà a Casalnuovo di Napoli, presso l’Auditorium dell’ICS “Aldo Moro”, un incontro per riflettere sugli eventi sismici e su come arginare, con la prevenzione, gli effetti distruttivi degli stessi.

L’evento vedrà la partecipazione di un parterre di esperti del settore: Nicola Pasquino dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”; Marco Leonardi del Dipartimento di Protezione Civile di Roma; Raffaele Bove, Direttore Tecnico del CERvEnE. Interverranno: Michelangelo Riemma, Dirigente ICS “Aldo Moro”; Marina Montano, Presidente Rotary Club Acerra-Casalnuovo “Aniello Montano”; Luigi Napolitano, Presidente Rotary Club Nola-Pomigliano d’Arco; Raffele Lettieri, Sindaco di Acerra; Luciano Lucania, Governatore Distretto 2100 Rotary International-Italia, Francescantonio D’Orilia, Presidente Fondazione MIdA.

L’incontro è stato organizzato dal Rotary, dall’Istituto Comprensivo “Aldo Moro”, dalla Fondazione MIdA con l’Osservatorio sul dopo sisma e il CeRVEnE, con il patrocinio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli.

 

A 37 ANNI DAL TERREMOTO IL PROGETTO “SUSSULTI. STORIE DI TERRA E UMANITÀ” A PALOMONTE

In una data simbolo, il 23 novembre, a distanza di 37 anni dal sisma del 1980, il Comune di Palomonte vuole ripartire dalla bellezza. A ridare anima e dignità alle macerie, a restituire luoghi e storia alla comunità di questo paese fortemente danneggiato – non tanto da quella terribile scossa ma dalla ricostruzione post-sisma –sarà un progetto dal forte impatto emotivo e culturale: “Sussulti. Storie di terra e umanità”.

Prendendo spunto da azioni di rigenerazione urbana divenute modello virtuoso a livello internazionale, come il caso di Tirana e la siciliana “Farm Cultural Park”, l’obiettivo del progetto “Sussulti” sarà quello di far diventare il paese dell’Alta Valle del Sele meta turistica di interesse nazionale, rimarginando con l’arte le ferite del terremoto, dando nuova veste agli scempi architettonici e urbanistici recenti, colorando i principali centri abitati del paese con nuove storie di terra e umanità legate tra di loro dalla speranza e dal desiderio di rinascita.

Il paese diverrà una quinta per l’esposizione dei diari autobiografici degli italiani, custoditi dall’Archivio di Pieve di Santo Stefano. Le strade, i quartieri, le frazioni del comune avranno un tema portante legato alla storia del Novecento fino ai giorni nostri (La grande Guerra, il fascismo, la rivoluzione industriale, gli anni dell’emancipazione femminile etc.).

Le premesse di una rivoluzione urbanistica e culturale ci sono tutte e saranno presentate nella Sala di rappresentanza del Comune di Palomonte giovedì 23 novembre alle 16.00 alla presenza di personalità illustri e futuri partner del progetto.

All’evento, coordinato dal giornalista de “Il Fatto Quotidiano” Antonello Caporale, parteciperanno: il sindaco di Palomonte avv. Mariano Casciano, Natalia Cangi, direttrice dell’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano, Erasmo D’Angelis della struttura di missione “Italia Sicura” della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Franco D’Orilia, presidente della Fondazione MIdA, Corrado Matera, Assessore Regionale allo Sviluppo e Promozione del Turismo e la prof.ssa Maria Rita Pinto, docente di Tecnologia dell’Architettura dell’Università di Napoli “Federico II”.

Concluderà l’incontro Evelina Christillin, presidente dell’ENIT (Ente Nazionale per il Turismo) personalità di caratura internazionale, tra le sue attività si segnalano la presidenza del “Comitato promotore Torino 2006” che ha portato in Italia i XX Giochi Olimpici Invernali, la presidenza della Fondazione Museo Egizio di Torino, l’elezione come membro aggiuntivo della UEFA nel Consiglio della FIFA.

Premio Partner Golden 2018 alla Fondazione MIdA

Arriva un prestigioso riconoscimento per la Fondazione MIdA: il premio Partner Golden 2018, l’importante titolo d’eccellenza conferito dall’associazione Italia nel Cuore!

In occasione del Coordinating European Touristic Guides, tenutosi ad Urbino nei giorni 10, 11, 12 novembre 2017, la Fondazione ha ritirato, dinanzi a operatori turistici di rilievo internazionale, il premio d’eccellenza come attestazione del suo turismo di qualità, creato sulla scoperta di luoghi e tradizioni, come strumento essenziale che determina una crescita culturale e civile.

Durante la tre giorni, l’associazione Italia nel Cuore ha promosso un Educational Tour per convincere i Buyers internazionali a preferire l’Italia e i borghi, di cui Urbino è un bellissimo esempio.

Nel Programma di Sviluppo e Promozione di ogni Regione Italiana, Italia nel Cuore ha inserito esclusivi Educational, che rappresentano la massima espressione di sinergie e competenze, con un Professional Team di assoluto prestigio.

In particolare, l’Educational Tour nella Città Rinascimentale di Urbino ha dato l’opportunità di vedere, gustare, sentire e vivere le sue bellezze, la sua natura, la sua cultura ed il suo stile di vita, per acquisire familiarità con la nostra filosofia e con gli Attori del Turismo lento che costruiscono il network Andamento Lento.