Arte contemporanea nelle Grotte di Pertosa-Auletta

,

L’opera

Un cubo di due metri di lato, ottenuto grazie al sapiente intreccio delle manichette utilizzate per l’irrigazione. Riciclo creativo che diventa materiale artistico nell’installazione di arte contemporanea “Penelope” di Eugenio Giliberti, in mostra alle Grotte di Pertosa-Auletta.

“Penelope”

Il progetto di arte contemporanea

L’iniziativa rientra nel progetto espositivo Parco dell’Arte contemporanea nel Vallo di Diano. Opere, idee, progetti, persone dalla collezione del Madre“, a cura di Andrea Viliani e Silvia Salvati, realizzato in occasione della Summer Universiade Napoli 2019 e Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Con esso l’Assessorato allo Sviluppo e Promozione del Turismo della Regione Campania e la Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee/museo Madre si propongono di costruire nel Vallo di Diano nuovi percorsi turistici dedicati all’arte contemporanea. Prendendo spunto da episodi storici che hanno influenzato la nascita dell’Europa, tale progetto si propone di mettere in connessione il Vallo di Diano, Napoli e Matera come tappe di un unico viaggio culturale.

L’interno dell’opera.

Descrizione dell’installazione

Un intreccio di identità ed etnie che ha sempre caratterizzato il Vallo, intreccio che si riflette nell’installazione artistica. “Penelope”, realizzata al Museo Madre in occasione del workshop didattico #MadreTerra dedicato all’integrazione sociale, è un’opera che evoca ricordi mitici. Così come, infatti, la fedele sposa di Ulisse tesseva e disfaceva la sua tela, così i tubicini sono stati pazientemente intrecciati e piegati. Un lavoro noioso, così lo definisce l’autore, ma che proprio dalla sua ripetitività si è caricato di maggiori significati. Una metafora dell’esistenza, che si è avvalsa dell’aiuto di ragazzi dai 14 ai 18 anni nella creazione di un’opera collettiva. “Il processo ripetitivo” – dice l’artista – “consente di arricchire quell’immagine interna (il progetto) con molti materiali diversi. Devo a questo arricchimento molti errori che mi costringono continuamente a girarmi indietro, interrompere, correggere, a non perdere veramente mai il controllo.

Il pannello didascalico.

Sedi del percorso espositivo

Oltre alle Grotte di Pertosa-Auletta, le altre sedi interessate sono il Castello Macchiaroli e il chiostro della Santissima Pietà, entrambi a Teggiano. Nel primo sono esposte opere di Marisa Albanese, Monica Biancardi, Bianco-Valente, Paolo Bini, Gianni De Tora, Jimmie Durham, Mimmo Jodice, Pierpaolo Lista, Nino Longobardi, Mimmo Paladino, Gloria Pastore, Luciano Romano, Ivano Troisi, Nicholas Tolosa e Michele Iodice. Al secondo piano del Castello è presentata la mostra personale di Pietro Costa Alla luce di tutto, che comprende due progetti sviluppati nel corso degli anni: donor project light structures.

Il chiostro della Santissima Pietà ospita invece due panchine marmoree di Domenico Bianchi e l’opera ceramica Vaso di Ugo Marano.

Un’altra installazione sarà realizzata a settembre nel centro storico di Teggiano in collaborazione con BACAS, Borghi Antichi Cultura Arti e Scienze, Vallo di Diano-New York. Tutte le opere saranno esposte sino al 15 febbraio 2020.

Le Grotte di Pertosa-Auletta in trasferta a Postumia

,

Dal 17 al 21 giugno 2019 si è tenuta a Postumia la 27°International Karstological School, l’evento che dal 1993 raccoglie ed espone i lavori più prestigiosi nell’ambito del carsismo e della ricerca scientifica relativa alla speleologia.

Le Grotte di Pertosa-Auletta hanno partecipato con uno studio sulle vermicolazioni effettuato da Rosangela Addesso, Alessandro Bellino e Daniela Baldantoni del Dipartimento di Chimica e Biologia “Adolfo Zambelli” dell’Università degli studi di Salerno, Ilenia Maria D’Angeli e Jo De Waele del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università degli studi di Bologna, da Ana Zélia Miller dell’Instituto de Recursos Naturales y Agrobiología di Siviglia e da Cristina Carbone del Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e della Vita dell’Università degli studi di Genova.

In Slovenia è stato presentato un poster sulle caratteristiche geochimiche di questi affascinanti depositi di calcite: un’importante occasione di confronto con il mondo della ricerca speleologica, al fine di creare nuovi rapporti di collaborazione ed arricchire sempre più i progetti di ricerca.

Riprendono le escursioni dalla costa cilentana con Infante Viaggi

, ,

Dopo il successo dell’estate 2018 ritornano le escursioni settimanali dell’agenzia Infante Viaggi.

Con il protocollo di intesa firmato tra la Fondazione MIdA e l’agenzia Infante Viaggi, partono anche per quest’anno le escursioni settimanali con trasporto gratuito in pullman GT. I tanti viaggiatori che scelgono il Cilento per le loro vacanze estive potranno raggiungere le Grotte di Pertosa-Auletta ogni martedì, dal 1 giugno al 30 settembre 2019.

La partenza da Marina di Camerota è prevista per le ore 8:00 con fermate a Palinuro e Policastro Bussentino. Il rientro, dopo la visita guidata alle Grotte, è previsto alle 12:15 da Pertosa.

Per usufruire del servizio è semplice: basterà prenotare sul sito www.agenziainfanteviaggi.it e acquistare il biglietto dell’escursione.

Il costo del biglietto di andata e ritorno è gratuito, mentre il costo per visitare le Grotte di Pertosa-Auletta con percorso completo è di € 20,00 per gli adulti e gratuito per i bambini fino a 12 anni.

Dialoghi di Storia, edizione 2019

,

Dopo il successo del primo ciclo di seminari tenutisi nel 2018, ritornano i Dialoghi di Storia, anche quest’anno organizzati dalla Fondazione MIdA e curati dalla prof.ssa Rosanna Alaggio. La Rete dei Musei del Vallo di Diano sarà, come nell’edizione precedente, la protagonista: molti degli incontri si terranno, infatti, nei luoghi della memoria e dell’anima, passata e futura, non solo della cittadina in cui si trovano ma dell’intero territorio.

I seminari sono patrocinati dai Comuni in cui si trovano i luoghi degli incontri e dalla Regione Campania, Assessorato allo sviluppo e promozione del territorio. Si svolgeranno con il supporto dei Forum dei Giovani e della Associazioni Giovanili del territorio.

Calendario Dialoghi di Storia 2019

Vi aspettiamo, quindi, con il primo appuntamento ad Atena Lucana al Museo Archeologico “Elena D’Alto” con il prof. D’Oria dell’Università di Napoli “Federico II”.

Scarica il calendario dei Dialoghi di Storia 2019