Interessante convegno sulla strategia delle aree interne a Paestum

, ,

Domenica 17 Novembre 2019 durante la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si è tenuto un interessante dibattito sul tema “Itinerari Culturali e Strategie per uno Sviluppo Turistico delle Aree Interne”, prendendo come punto di partenza per le riflessioni di tutti i relatori la pubblicazione della Fondazione MIdA Nelle Terre dei Principi. Guida agli itinerari italo-greci nell’Italia Meridionale.

All’incontro hanno preso parte la professoressa Rosanna Alaggio, coordinatrice del protocollo di intesa per la realizzazione del progetto di cooperazione interregionale “I luoghi del Silenzio. Itinerari del monachesimo italo-greco in Campania, Basilicata e Calabria” e Rossano Pazzagli, del Centro di Ricerca Aree Interne e Appennini, che con il suo intervento sulle buone pratiche realizzate nelle aree interne di tutta Italia, ha entusiasmato la platea. Siamo lieti, infatti, di poter far scaricare liberamente qui la presentazione del suo intervento.

Fattivi e propositivi gli interventi di Claudio Bocci, Direttore Federculture, e di Giovanna Barni, Presidente Culturmedia Legacoop, con i quali nei prossimi mesi si potranno instaurare collaborazioni proficue.

A chiudere il convegno, coordinato dal giornalista Marco Panara, le considerazioni dell’Assessore allo Sviluppo e Promozione del Territorio della Regione Campania, Corrado Matera.

“Nelle Terre dei Principi” alla BMTA

, ,

Domenica 17 Novembre 2019, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, durante la BMTA (Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico) si terrà un interessante dibattito sul tema “Itinerari Culturali e Strategie per uno Sviluppo Turistico delle Aree Interne”. L’obiettivo è quello di creare un’occasione di confronto e condivisione tra alcuni dei maggiori esperti di turismo in occasione della presentazione della guida “Nelle Terre dei Principi”. Rappresentanti istituzionali e amministrazioni locali, infatti, discuteranno sul contributo che le strategie di un’offerta turistica culturale possono dare allo sviluppo delle cosiddette “Aree interne”.

Nello specifico, si parlerà della guida “Nelle Terre dei Principi. Guida agli Itinerari italo-greci in Campania” come esempio di turismo culturale legato al fenomeno del monachesimo italo-greco.

I relatori

All’incontro, che si terrà presso il Centro Espositivo Savoy Hotel di Paestum (SA), prenderanno parte la professoressa Rosanna Alaggio e Rossano Pazzagli, del Centro di Ricerca Aree Interne e Appennini, entrambi dell’Università Del Molise. Interverranno, inoltre, Andrea Cozzolino, Parlamentare Europeo, Corrado Matera, Assessore al Turismo della Regione Campania e Michele Strianese, Presidente della Provincia di Salerno. Oltre a loro, ci saranno Tommaso Pellegrino, Presidente del PNCVDA, Rosanna Romano, Direttore Generale Politiche Culturali e Turismo della Regione Campania, Claudio Bocci, Direttore Federculture e Giovanna Barni, Presidente Culturmedia Legacoop.

Parteciperanno, inoltre, i Sindaci dei Comuni della Basilicata, Calabria e Campania firmatari del protocollo d’intesa interregionale. È stato invitato il Ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano.

Coordinerà il giornalista Marco Panara.

La Fondazione MIdA alla “3 Giorni per la Scuola”

, ,

Dal 29 al 31 ottobre 2019 si è tenuta a Napoli, a Città della Scienza, “3 Giorni per la Scuola“, Convention Nazionale dedicata al mondo della Scuola. Promossa dalla Fondazione Idis-Città della Scienza in accordo con il MIUR, l’Assessorato all’Istruzione della Regione Campania e USR per la Campania, ha visto quest’anno un’affluenza importante. Circa 8000 persone hanno, infatti, affollato gli spazi della cittadella scientifica, venendo in contatto con multiformi realtà. Musei, tour operator, start-up innovative e mondo della scuola si sono incontrati attraverso workshop, stand e seminari, per questa tre giorni dal forte significato culturale. Un appuntamento importante, in cui i protagonisti sono stati i ragazzi.

https://www.flickr.com/photos/cittadellascienza/48991014667/in/album-72157711581339648

Lo stand della Fondazione MIdA

Le Grotte di Pertosa-Auletta hanno partecipato con un proprio stand, e numerosi sono stati i riscontri positivi. Tanti docenti, ragazzi e tour operator si sono avvicinati, incuriositi dalle foto e desiderosi di approfondire la reciproca conoscenza. Nel chiacchierare è emerso che tantissimi di loro ben conoscevano la realtà educativa della Fondazione MIdA, ed erano felici di ritrovarla ad una convention così importante. Si sono consolidate vecchie relazioni e se ne sono costruite di nuove, sulla base di una proposta altamente didattica che tutti hanno mostrato di apprezzare.

Didattica per studenti

La proposta formativa e l’abbinata Musei-Grotte-Laboratori proposta dalla Fondazione ha suscitato molto interesse. Temi come l’ambiente e la biodiversità, infatti, si comprendono meglio se veicolati attraverso attività teoriche ed esperimenti pratici. Chi, invece, non era informato delle attività della Fondazione ne è rimasto colpito.

Una consolidata manifestazione, insomma, che favorisce sempre esperienze bellissime.

Evento finale “Progetto Tanagro Opportunità Giovane”

, ,

Sono stati presentati ieri, 31 ottobre 2019, presso il Centro Polifunzionale Complesso della Santissima Pietà a Teggiano i risultati del “Progetto T.O.G”, che ha coinvolto la Fondazione MIdA in qualità di partner.

Il presidente D’Orilia racconta l’esperienza del tirocinio

Nel 2016 infatti la Regione Campania, attraverso la Direzione Generale Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Giovanili, ha promosso “Benessere Giovani-Organizziamoci”, con l’obiettivo di contrastare il disagio giovanile. Spesso, infatti, esistono realtà con scarse opportunità di aggregazione ma dove, di contro, esistono spazi pubblici spesso non valorizzati. In questo contesto, purtroppo, i giovani spesso non trovano modo di emergere ed affermarsi.

Il “Progetto T.O.G.”

Dalla consapevolezza di questa situazione è scaturito, quindi, un Avviso rivolto a partenariati tra soggetti pubblici, associazioni giovanili e imprese. La richiesta fatta era quella di realizzare, all’interno dei loro spazi pubblici multifunzionali, laboratori dove stimolare i giovani alla cultura d’impresa. Le Amministrazioni di Auletta e Teggiano hanno quindi proposto il progetto “T.O.G. – Tanagro Opportunità Giovane”, al fine di unire i giovani di entrambi i comprensori. Al Progetto T.O.G hanno collaborato l’Associazione Lo Stare Insieme di Auletta, l’Associazione Avalon di Pontecagnano, la ditta Demo Active di Massimiliano De Paola di Auletta, la società QS & Partners di Salerno, la Fondazione Mida di Pertosa e il Consid di Sala Consilina.

Le attività svolte

La Fondazione MIdA ha accolto tre tirocinanti, le quali hanno svolto numerose attività volte a far comprendere loro il lavoro che sta dietro un’accoglienza turistica. Hanno archiviato dati, fondamentali per la costruzione di un database di contatti, e si sono relazionati a vario titolo con i turisti. Hanno fatto esperienza di customer satisfaction e conosciuto un po’ più da vicino le attività della Fondazione e il suo impegno quotidiano. Positivi i riscontri da parte delle tirocinanti, che infatti hanno parlato di esperienze importanti e formative da un punto di vista culturale.

“Diamoci una Scossa”. L’iniziativa nazionale

, , ,

E’ questo il titolo di un’interessante manifestazione dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno, volta alla sensibilizzazione sul rischio sismico. La Giornata Nazionale per la Prevenzione Sismica si prefigge lo scopo di informare la popolazione su questo importante argomento. Tale evento si terrà domenica 20 ottobre e sarà valido per tutto il mese di Novembre. Ma non è tutto. Architetti e ingegneri esperti del rischio sismico effettueranno infatti visite a domicilio gratuite per valutare la sicurezza sismica delle abitazioni. In seguito alla visita forniranno utili informazioni, tra cui notizie sui bonus fiscali che lo Stato mette a disposizione.

SismaBonus e EcoBonus

In caso di adeguamento sismico di abitazioni lo Stato infatti garantisce la copertura dell’85% delle spese necessarie. Sono comprese in questa agevolazione prime e seconde case, edifici produttivi e parti comuni condominiali. Un importante aiuto per migliorare la sicurezza delle case, quindi, che rende l’opera divulgativa e concreta della Giornata doppiamente importante. L’edizione dell’anno scorso ha visto la partecipazione di 7000 professionisti, con ben 500.000 cittadini informati e 90.000 abitazioni visitate. Circa 500 piazze in tutta Italia, le cosiddette Piazze della Prevenzione Sismica, hanno ospitato i Punti Informativi. In essi Architetti e Ingegneri hanno spiegato il programma di prevenzione attiva, mettendo a disposizione la propria esperienza.

La visita e il vademecum dell’esperto

La novità della manifestazione consiste nel passaggio dall’informare al valutare concretamente i rischi. Interessante è, infatti, l’opportunità, inserendo poche informazioni in una domanda pre-compilata, di ricevere a casa gratuitamente un esperto. Il professionista valuterà l’abitazione, fornendo poi un vademecum contenente informazioni sui fattori di rischio (es. zona di edificazione, anno di costruzione, tipologia di edificio, etc.). Grazie ai bonus fiscali il cittadino potrà mettere in atto le misure correttive, risparmiando sui costi e migliorando di gran lunga la propria abitazione. Un’iniziativa encomiabile e completa. Tutti i dettagli su  https://www.giornataprevenzionesismica.it/

“Diamoci una Scossa” nel Vallo di Diano

“Diamoci una Scossa” è promossa da Fondazione Inarcassa, dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e da quello degli Architetti. Ha il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, del Dipartimento Protezione Civile, dalla Conferenza dei Rettori Università Italiane. L’iniziativa è sostenuta inoltre dalla rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica e di ENEA. Domenica 20 ottobre l’evento si svolgerà a Padula, nella corte esterna della Certosa di San Lorenzo.

Le vermicolazioni arrivano a Ferrara

, , ,

Nell’ambito del XXIX Congresso della Società Italiana di Ecologia (S.It.E)Capitale Naturale: la Gestione per la Conservazione-, che si è tenuto a Ferrara il dal 10 al 12 settembre, è stato presentato il lavoro sulle vermicolazioni effettuato dalla dott.ssa Rosangela Addesso nelle Grotte di Pertosa-Auletta.
Presso il Polo Chimico Bio-Medico dell’Università degli Studi di Ferrara, aula D6, il lavoro è stato presentato con una comunicazione orale nell’ambito della sessione “Capitale Naturale ed Ecosistemi Terrestri”.


Il congresso quest’anno ha puntato la sua attenzione sulle peculiarità degli ecosistemi e delle metodologie gestionali e conservative da applicare per mantenerli in buona qualità ecologica.
L’elaborato presentato verte sulla composizione delle vermicolazioni, queste formazioni apparentemente disordinate che prosperano sulle pareti delle cavità rocciose, siano esse naturali o artificiali. Sono principalmente composte da calcite, e sono utilizzate per studiare il comportamento dei bioti all’interno degli ecosistemi sotterranei. All’interno delle Grotte di Pertosa-Auletta ne sono state rilevate di undici tipi diversi, oggetto dello studio in questione, che intende apportare un contributo allo studio di queste formazioni ancora oggi in gran parte sconosciute.

“Voci dalla terra”: resoconto e galleria fotografica

,

Il “dopo” festival

Un successo non scontato quello del festival “Voci dalla terra-I linguaggi del silenzio”, tenutosi in prossimità delle Grotte di Pertosa-Auletta il 20 e il 21 settembre scorsi. La location, suggestiva già di suo e resa ancora più bella da un sapiente gioco di luci, ha fatto da cornice a vari eventi, laboratori e mercatini. Il tutto è stato impreziosito dalla partecipazione di ospiti importanti, che hanno innalzato il livello della discussione.

Talk e discussioni

La prima tranche di eventi si è svolta in un’area antistante i giardini, allestita appositamente con poltroncine per i relatori e balle di fieno per gli uditori. Si è passati dalle autorevoli riflessioni sulla storia del Mezzogiorno ai racconti quotidiani di lotta e speranza nelle aree interne. Ultra-maratoneti, attrici, agronomi, speleologi hanno parlato della loro visione del silenzio vissuto nei luoghi più disparati del mondo, dal deserto ai borghi abbandonati. Man mano, durante lo svolgimento della manifestazione, si sono avvicendati vari eventi: presentazioni di libri, walking tour, monologhi, dialoghi, talk, lectio magistralis, cantate poetiche. Artisti vari hanno raccontato a modo loro il silenzio: alcuni con la musica, altri con la pittura, altri ancora hanno preferito la fotografia o la scrittura.

https://www.facebook.com/salvatore.medici.33

Attività laboratoriali

A questi hanno fatto da contraltare momenti più “leggeri”, ma ugualmente significativi. I giardini e i Musei, infatti, hanno ospitato laboratori di geologia, di scienze ambientali e di archeologia, che hanno incuriosito e affascinato i più piccoli. Sempre nei giardini si sono tenute alcune sedute di yoga e meditazione, che hanno “allineato i chakra” dei partecipanti. In un’area difronte allo Speleobar, intanto, i cosiddetti “giochi di una volta” sortivano l’effetto di appassionare grandi e piccini. In contemporanea, un mercatino metteva in mostra opere di artisti e prodotti tipici, permettendo a tutti di curiosare e acquistare. I prodotti tipici, poi, sono stati degustati da tutti in serata grazie alle sapienti mani di coloro che hanno rinfrancato gli astanti con piatti vari e dolci della tradizione.

Le performance artistiche

La seconda significativa tranche di “Voci dalla terra”, in seguito, si è tenuta nelle Grotte. Performance di danza contemporanea hanno mimato il lavoro instancabile della Natura, mentre il pubblico assisteva in religioso silenzio. Uno dei momenti più emozionanti ha visto un ballerino, sulle “note” di una goccia d’acqua, rappresentare la formazione di stalattiti e stalagmiti. All’esterno, invece, uno speleologo introduceva le “visite silenziose” in Grotta, alternando alla divulgazione scientifica momenti di teatralità. I partecipanti si sono addentrati poi in silenzio nel mondo sotterraneo, facendo parlare soltanto le proprie suggestioni interne.

Il pubblico ha sfidato un’arietta abbastanza frizzante e ha mostrato di gradire i vari eventi, conclusisi poi in serata con la silent disco. Qui uomini e donne si sono scatenati silenziosamente con le cuffie in testa, dando vita ad uno spettacolo abbastanza insolito. Sulla stessa pista, infatti, era possibile vedere ragazzi e persone che ballavano ritmi diversi, ma dall’esterno senza cuffie non si percepiva alcuna musica.

Ringraziamenti

Un sincero grazie a chi ha contribuito in vario modo a “Voci dalla terra”. A chi ha allestito e curato la manifestazione, permettendone la buona riuscita, donando il proprio tempo e il proprio contributo. Grazie a chi ha “lavorato in silenzio e a chi ha fatto rumore”, a chi è venuto appositamente a raccontare la propria esperienza e a chi l’ha ascoltata.

Arrivederci al prossimo appuntamento.

https://www.facebook.com/gmassimo
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=3282845721733187&set=pcb.3282847561733003&type=3&theater

Bando per il Servizio Civile 2019

,

Bando per la selezione di 18 volontari del servizio civile universale per il Progetto – ” Vide che era cosa buona”

Scopri come partecipare:

Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 14:00 del 10 ottobre 2019, per qualunque informazione rivolgersi alla Fondazione MIdA al numero 0975 397037.

Museo del Suolo: tutelare divertendosi con Greenopoli

, ,

Tra piante ed acqua

Già prima di entrare al Museo del Suolo ci si accorge di trovarsi difronte, più che a un museo, a un esperimento a cielo aperto. Sul tetto dell’edificio, infatti, un quadrilatero di viti di diverse varietà espone i suoi grappoli al sole, e fa da cornice insolita ad un parcheggio. Scendendo lungo una piccola discesa, invece, alberelli da frutto come pere e ciliegi accompagnano il visitatore all’ingresso, con il rumore dell’acqua del Tanagro che scorre a pochi passi. Una presentazione semplice ed efficace delle storie che si ascolteranno all’interno.

Il Museo e le sue storie

Il racconto di come una foglia secca, quindi morta, possa trasformarsi in vita per altre piante diventando humus. L’impiego di sensi come il tatto, la vista e l’olfatto per scoprire le diverse composizioni dei suoli. La scoperta della lunghezza delle radici, che spesso sono il triplo della grandezza della pianta stessa. La serra rosa, il Teatro del Suolo, la sala dei Pedon: ogni stanza racconta una storia, un pezzetto di quel mondo invisibile e nascosto di cui, spesso, si ignora la dinamicità e l’importanza.

Uno dei suoli più fertili al mondo è quello di Casal di Principe, in piena Terra dei Fuochi. Com’è possibile che sotto tonnellate di immondizia si celi il luogo fertile per eccellenza, la “Campania Felix” dei romani? E com’è possibile distruggere una risorsa così preziosa, quando basterebbero comportamenti più corretti a preservarlo? Su queste domande, a cui ogni giorno il museo tenta di dare risposta, è stato incentrato l’incontro con Giovanni De Feo e il suo Greenopoli, progetto di educazione ambientale.

http://www.greenopoli.it/home/il-metodo-greenopoli/

Greenopoli

Greenopoli è un metodo alternativo e coinvolgente di sensibilizzare le persone sul tema della sostenibilità ambientale. È stato ideato dal professor De Feo, docente di Ecologia Industriale a Salerno e Ambientalista dell’anno 2018. Attraverso filastrocche e personaggi inventati il progetto rende coinvolgente e stimolante il tema del ciclo dei rifiuti, della conservazione dell’ambiente, dell’importanza dell’acqua. Il suo inventore lo definisce “un sito internet (www.greenopoli.it), una pagina Facebook, un’idea, un metodo didattico, un gioco, un libro”. Si è inserito perfettamente nel solco delle tematiche che il Museo del Suolo porta avanti, e ha raccolto un pubblico di appassionati e curiosi.

Introdotto dalla dott.ssa Rosangela Addesso, l’incontro si è tenuto il 7 settembre e ha permesso a De Feo di calamitare l’attenzione su temi fondamentali per la vita sulla Terra, strizzando l’occhio a una narrazione attiva, curiosa, divertente, fondata sul gioco. Importanti sono state le “buone pratiche” di cui il professore ha parlato, e alternativi sono stati i modi in cui le ha fissate nella memoria dei partecipanti. Una bella esperienza, sicuramente da ripetere e ampliare.