Arte contemporanea nelle Grotte di Pertosa-Auletta.

,

L’opera.

Un cubo di due metri di lato, ottenuto grazie al sapiente intreccio delle manichette utilizzate per l’irrigazione. Riciclo creativo che diventa materiale artistico nell’installazione di arte contemporanea “Penelope” di Eugenio Giliberti, in mostra alle Grotte di Pertosa-Auletta.

“Penelope”

Il progetto di arte contemporanea.

L’iniziativa rientra nel progetto espositivo Parco dell’Arte contemporanea nel Vallo di Diano. Opere, idee, progetti, persone dalla collezione del Madre“, a cura di Andrea Viliani e Silvia Salvati, realizzato in occasione della Summer Universiade Napoli 2019 e Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Con esso l’Assessorato allo Sviluppo e Promozione del Turismo della Regione Campania e la Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee/museo Madre si propongono di costruire nel Vallo di Diano nuovi percorsi turistici dedicati all’arte contemporanea. Prendendo spunto da episodi storici che hanno influenzato la nascita dell’Europa, tale progetto si propone di mettere in connessione il Vallo di Diano, Napoli e Matera come tappe di un unico viaggio culturale.

L’interno dell’opera.

Descrizione dell’installazione.

Un intreccio di identità ed etnie che ha sempre caratterizzato il Vallo, intreccio che si riflette nell’installazione artistica. “Penelope”, realizzata al Museo Madre in occasione del workshop didattico #MadreTerra dedicato all’integrazione sociale, è un’opera che evoca ricordi mitici. Così come, infatti, la fedele sposa di Ulisse tesseva e disfaceva la sua tela, così i tubicini sono stati pazientemente intrecciati e piegati. Un lavoro noioso, così lo definisce l’autore, ma che proprio dalla sua ripetitività si è caricato di maggiori significati. Una metafora dell’esistenza, che si è avvalsa dell’aiuto di ragazzi dai 14 ai 18 anni nella creazione di un’opera collettiva. “Il processo ripetitivo” – dice l’artista – “consente di arricchire quell’immagine interna (il progetto) con molti materiali diversi. Devo a questo arricchimento molti errori che mi costringono continuamente a girarmi indietro, interrompere, correggere, a non perdere veramente mai il controllo.

Il pannello didascalico.

Sedi del percorso espositivo.

Oltre alle Grotte di Pertosa-Auletta, le altre sedi interessate sono il Castello Macchiaroli e il chiostro della Santissima Pietà, entrambi a Teggiano. Nel primo sono esposte opere di Marisa Albanese, Monica Biancardi, Bianco-Valente, Paolo Bini, Gianni De Tora, Jimmie Durham, Mimmo Jodice, Pierpaolo Lista, Nino Longobardi, Mimmo Paladino, Gloria Pastore, Luciano Romano, Ivano Troisi, Nicholas Tolosa e Michele Iodice. Al secondo piano del Castello è presentata la mostra personale di Pietro Costa Alla luce di tutto, che comprende due progetti sviluppati nel corso degli anni: donor project light structures.

Il chiostro della Santissima Pietà ospita invece due panchine marmoree di Domenico Bianchi e l’opera ceramica Vaso di Ugo Marano.

Un’altra installazione sarà realizzata a settembre nel centro storico di Teggiano in collaborazione con BACAS, Borghi Antichi Cultura Arti e Scienze, Vallo di Diano-New York. Tutte le opere saranno esposte sino al 15 febbraio 2020.

Dialoghi di Storia a Padula

,

In arrivo un nuovo appuntamento con “Dialoghi di Storia“, la manifestazione itinerante promossa da Fondazione MIdARete dei Musei del Vallo di Diano, Forum dei Giovani e dalle Associazioni Giovanili. Il ciclo di incontri è patrocinato dai Comuni e dell’Assessorato allo sviluppo e promozione del turismo della Regione Campania. Questa volta i “Dialoghi” fanno tappa a Padula, alla ricerca di giovani studiosi del territorio. Un momento particolarmente importante, che vorrebbe fare da argine alla fuga di tanti cervelli che, spesso, per mancanza di opportunità si vedono costretti a rivolgere altrove la loro attenzione.

L’incontro, moderato dalla professoressa Rosanna Alaggio dell’Università degli studi del Molise, si svolgerà quindi nella città che ospita il famoso cenobio certosino. A “dialogare” con la professoressa Alaggio saranno l’ingegnere Giuseppe La Greca e la dottoressa Brunilde Brigante. Sede dell’incontro sarà il Museo Civico Multimediale.

Il Museo, allocato nell’ex palazzo Brando e nelle vicinanze del Municipio, si divide in tre sezioni. Nella prima si racconta dei ritrovamenti archeologici nel Vallo di Diano, che hanno riportato alla luce pezzi di notevole fattura. Alcuni di questi collegano il territorio alle botteghe manifatturiere di Paestum. Nella seconda si tratta delle vicende risorgimentali che dalla seconda metà del 1700 in poi hanno infiammato il territorio. Triste epilogo di queste vicende fu la sfortunata spedizione di Carlo Pisacane del 1857. L’ultima sezione, infine, illustra le vicende del brigantaggio meridionale, cercando di fare luce su un fenomeno in bilico fra mitizzazione e demonizzazione.

Insomma un luogo ricco di Storia e di storie, che ben si sposa con lo spazio dato ai ricercatori o agli studiosi della zona. Appuntamento quindi per sabato 13 luglio ore 18:00 a Padula.

Le Grotte di Pertosa-Auletta in trasferta a Postumia.

,

Dal 17 al 23 giugno 2019 si è tenuta a Postumia la 27°International Karstological School, l’evento che dal 1993 raccoglie ed espone i lavori più prestigiosi nell’ambito del carsismo e della ricerca scientifica relativa alla speleologia.

Le Grotte di Pertosa-Auletta hanno partecipato con uno studio sulle vermicolazioni effettuato da Rosangela Addesso, Alessandro Bellino e Daniela Baldantoni del Dipartimento di Chimica e Biologia “Adolfo Zambelli” dell’Università degli studi di Salerno, Ilenia Maria D’Angeli e Jo De Waele del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università degli studi di Bologna, da Ana Zélia Miller dell’Instituto de Recursos Naturales y Agrobiología di Siviglia e da Cristina Carbone del Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e della Vita dell’Università degli studi di Genova.

In Slovenia è stato presentato un poster sulle caratteristiche geochimiche di questi affascinanti depositi di calcite: un’importante occasione di confronto con il mondo della ricerca speleologica, al fine di creare nuovi rapporti di collaborazione ed arricchire sempre più i progetti di ricerca.